Sanary sur Mer – Borgo di pescatori e scrittori
Data
Indice

Lasciamo Marsiglia percorrendo La Corniche, una strada panoramica di 5 km che parte dalla sinistra del Porto Vecchio ed é considerata una delle strade più belle e famose del mondo.

Proseguendo verso Cassis si entra nel Parco Naturale dei Calanchi, meravigliose scogliere che per 20 km. seguono la linea della costa cadendo a picco nel mare.

L’altro lato della Baia di Cassis è dominato da Cap Canaille, la più alta scogliera d’Europa il cui punto più elevato, la Grande Tête, si trova a 394 metri sul mare e da lì si può godere una meravigliosa vista sul Mediterraneo.

Proseguendo sulla strada turistica delle Crete, lunga 15 km, che da Cassis porta verso La Ciotat ci viene offerta una vista spettacolare sul Golfo di Cassis e sui Calanchi.

Arrivati alla Ciotat proseguiamo, perché nemmeno qui, come del resto prima a Cassis, troviamo da parcheggiare… ovunque sbarre ad altezza di 2 mt.

Su consiglio di Manuela, un’amica camperista conosciuta a Saintes Maries de la Mer, ci spostiamo a Sanary sur Mer dove, in riva al mare e vicino al centro, un parcheggio ospita camper anche per la notte, tra l’altro tutti i campeggi sia a Cassis sia alla Ciotat in questo periodo chiusi.

Sanary sul Mer si é rivelato un borgo molto carino.
Sorto intorno a una piccola insenatura della costa, con un porto naturale, conserva il suo carattere provenzale con le colorate imbarcazioni tradizionali, i pointus, piccole barche a vela a fondo piatto che in questo periodo sono tutte addobbate in stile natalizio. La più antica risale al 1895.

Al mattino, al rientro dei pescatori, lungo il porto viene allestito un mercato del pesce dove è possibile acquistare tutto ciò che è arrivato fresco dal mare.

Il paese è riconosciuto come uno dei borghi più autentici di tutta la costa mediterranea francese ed ha bellissima chiesetta tutta affrescata.

Altra cosa distingue questo borgo; una piccola targa commemorativa che riporta i nomi di moltissimi scrittori e intellettuali tedeschi che, come Bertold Brecht, Thomas Mann e molti altri, con l’ascesa del nazismo nel 1930, lasciarono la Germania e si stabilirono qui.

Un stupendo tramonto con dei colori che andavano dall’arancione al rosso, dal rosa al fucsia, ci ha sorpreso e reso il luogo ancor più unico.

Parcheggio sosta notturna (oltre le 12 ore € 20 – GPS: N 43.1160 E 5.8062)

[foogallery id=”3755″]

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su pinterest
Altri viaggi in Italia
Altri viaggi in Europa