La Cattedrale di San Basilio
Indice

All’estremità della Piazza Rossa, proprio di fianco alla porta del Cremlino, sorge l’edificio simbolo di Mosca e più in generale della Russia: la cattedrale dell’Intercessione della Madre di Gesù sul Fossato popolarmente nota come Cattedrale di San Basilio che fu costruita dal 1555 al 1561 su ordine dello Zar di tutte le Russie Ivan IV di Russia detto il Terribile per commemorare la vittoria sul Khanato di Kazan.

La Cattedrale – Simbolo di Ivan il terribile

Guardandola da vicino la prima impressione che dà é che sia finta, le forme delle cupole e il tripudio di colori sgargianti la fa sembrare di marzapane.

Il Complesso monumentale

La forma dell’edificio che compone la Cattedrale di San Basilio, è molto strana e non ha analoghi nell’architettura russa e in realtà il complesso è formato da nove chiese collegate tra loro da gallerie e passaggi,

L’alta torre al centro della cattedrale ospita la Chiesa dell’Intercessione, quella che dà il nome alla Basilica, ed é circondata dalle altre 8 chiese le cui quattro cappelle più grandi, sormontate da quattro cupole, sono intervallate da quattro cappelle più piccole, ciascuna dedicata a una battaglia contro Kazan.

Leggende, incendi e demolizioni

Una leggenda che incombe sulla Cattedrale di San Basilio vuole che Ivan IV di Russia detto il Terribile che ne volle la costruzione, abbia ordinato di accecare l’architetto creatore di una così bel progetto per non far loro replicare né superare il proprio operato. Ma sembra sia solo una leggenda in quanto l’architetto risultò attivo ancora almeno fino agli anni sessanta del Cinquecento

Durante tutta la sua storia la cattedrale è stata sul punto di scomparire in più di un’occasione, sopravvivendo a incendi, all’invasione napoleonica e persino a un piano di demolizione da parte dei collaboratori di Stalin, il quale riteneva che la cattedrale intralciasse le parate dell’esercito nella Piazza Rossa.

Nei primi anni dopo la seconda guerra mondiale i restauratori ripristinarono le antiche arcate e i pilastri che supportano la piattaforma del primo piano, ripulirono i soffitti voltati a cassettoni delle gallerie e rimossero gli affreschi risalenti al XIX secolo dipinti all’interno delle chiese.

Un altro ciclo di restauri, negli anni cinquanta del ventesimo secolo riportò l’originale decorazione imitante i corsi in laterizio e permise ai restauratori di osservare l’interno dell’antica muratura, scoprendo la struttura lignea posta al suo interno.

Durante gli anni sessanta del Novecento, la copertura in stagno delle cupole venne rimpiazzata con una in rame. L’ultimo intervento di rinnovamento sulla cattedrale si è concluso nel settembre 2008.

Costo di ingresso

La cattedrale è visitabile con un biglietto d’ingresso di 700 rubli, si può raggiungere con la linea blu della metro scendendo alla fermata della Piazza Rossa Ploshchad Revolyutsii  (Пло́щадь Револю́ции). I biglietti possono essere acquistati presso la cattedrale o online nel sito ufficiale

Lasciaci un commento

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su pinterest
Altri viaggi in Italia
Altri viaggi in Europa